REAL TIME MARKETING vs NEWSJACKING: facciamo chiarezza!

Vorrei iniziare con una domanda. Conosci la differenza tra il Real Time Marketing e il Newsjacking?
Credi che si tratti della stessa cosa? No, sono due cose distinte e molto spesso confuse.
Tutti parlano di Real Time Marketing e in tanti pensano di farlo sui social… ma in pochi lo stanno facendo davvero! 😉

Il Real Time Marketing è un’azione di marketing che viene concepita, pianificata, realizzata ed eseguita in tempo reale. A quest’azione strategica e repentina, mai improvvisata poiché basata su uno studio attento dei dati, delle personas (se non sapete di che si tratta vi consiglio di leggervi l’articolo di Erika) e delle situazioni, viene spesso affiancata un’importante campagna di comunicazione immediata, focalizzata e realizzata in tempi brevissimi per potersi inserire velocemente nell’ecosistema digitale e catalizzare l’attenzione e l’interesse degli utenti profilati portandoli a compiere l’azione di marketing progettata.

Tutto chiaro? Se la definizione ti sembra una #MissionImpossible, figurati la realizzazione di un’ottima campagna di Real Time Marketing…

È così difficile creare il giusto mix d’ingredienti e calibrarli al meglio, che anche io ho fatto fatica a trovare una campagna di Real Time Marketing ben fatta!

Poi mi sono ricordata della storia d’amore più chiacchierata degli ultimi anni (quella tra Brad e Angelina) e di una compagnia area che ha saputo sfruttare al meglio la loro triste rottura. Allora mi è tornato il sorriso! ^_^


Siamo nel Settembre 2016 e, prima di allora, non avevo mai sentito nominare la compagnia Norvegian. Compagnia aerea che, grazie a una geniale campagna focalizzata principalmente sui quotidiani, è comparsa su tutte le testate, le riviste, le televisioni, le piattaforme e le bacheche del mondo arrivando a oltre 300 milioni di potenziali clienti. Curiosi di sapere in quanti hanno prenotato un volo e i benefici che questa campagna ha avuto sull’awarenss, la reputation e l’engagement del brand? Anche io, ma purtroppo non ho trovato dati in rete…

Cos’ha di speciale questa campagna di Real Time Marketing?

  • Tempismo
  • Ironia
  • Semplicità nel messaggio
  • Azione di Marketing efficace per promuovere i voli a lungo raggio Norvengian da poco attivati

#BraviLoro ma bravi anche a quelli di IKEA che hanno realizzato un’azione di Real Time Marketing dedicata ai fan di Game Of Thrones… Viva il cinismo e tanta stima al
#PoveroHodor!

Parliamo ancora di Real Time Marketing anche quando i brand pianificano azioni di marketing strategiche su eventi pianificati, non improvvisi. A che eventi mi riferisco? Mondiali, Olimpiadi, Oscar, Elezioni oppure ai Funnel (azione strategica cruciale per gli e-commerce).

In questo caso l’azione di Marketing viene progettata e studiata nel minimo dettaglio, con anticipo, per poi essere lanciata e diffusa in occasione, o in previsione (se si vuole giocare sul teaser e sull’anticipare la concorrenza), dell’evento, mantenendo così la definizione di “Real Time”.

È qui, in questa precisazione, che sta la differenza che in pochi, quasi nessuno, rilevano e che sancisce una profonda differenza tra il Real Time Markting e il Newsjacking: lo studio minuzioso dei dati a disposizione per la progettazione di un’azione mirata di marketing.

Per fare Real Time Marketing occorre far prima Real Time Analysis volta a monitorare i dati che arrivano in tempo reale, incrociarli con il comportamento degli utenti e attivare delle strategie di marketing tempestive ed efficaci (soprattutto su un evento non pianificato) per rispondere alle richieste degli utenti e sfruttare i dati a favore dell’azienda.

Senza questo importante passaggio si può parlare di Newsjacking che consiste, infatti, nel “parassitare” o “presidiare” un evento mediatico di rilievo per darne una propria versione personale, spesso divertente e ironica, volta a creare engagement con i propri utenti, entrare in Trend Topic e sfruttare la visibilità che la Rete (e il “maledetto” algoritmo di Facebook) attribuiscono ai contenuti che generano molto engagement.

 

Niente studio dei dati. Nessuna azione di marketing direttamente e strettamente connessa all’azione di comunicazione ideata e generata in Real Time.
Tanta creatività, genialità e rapidità. Con questo non voglio dire che il Newsjacking sia cosa semplice, anzi!

È molto difficile da fare ed è bene realizzarlo solo se si è in grado di farlo bene e “supportarlo” al meglio anche in termini di risposta e feedback immediato all’utente in corrispondenza e dopo il lancio della campagna.

Ci sono brand, come Ceres e Taffo, che lo sanno fare benissimo, altri che in passato hanno fatto grandi cose (Barilla, Oreo, Durex, Tempo) ma, se il tutto si limita a creare engagement, non possiamo parlare di Real Time Marketing.

 

Adesso è più chiaro? Avete compreso la differenza tra Newsjacking e Real Time Marketing?

Forse no… ma ci tenevo a precisare che:

  • Non tutti i brand sono adatti al Real Time Marketing
  • Non tutto ciò che viene postato sui social è Real Time Marketing
  • La prossima volta che vi si presenza un’agenzia di comunicazione specializzata in Real Time Marketing, fareste bene farvi qualche domanda in più! 😉

 

Le parole sono importanti (Cit.)