Cosa accade in Rete ogni 60 secondi? I dati 2017 a confronto!

Voglio farvi una domanda… vi siete mai chiesti cosa succede online ogni 60 secondi?

Una foto su Instagram per mostrare a tutti la colazione più bbbuona del mondo, uno sguardo a Twitter per conoscere gli ultimi fatti dal mondo, un post su Facebook per dettare il mood del giorno, un messaggio vocale su WhatsApp per organizzare un aperitivo e per dare un senso alla giornata e, infine, un aggiornamento su LinkedIn per trovare occupazione nell’azienda più cool dell’internet.

Sono tante le azioni che facciamo quotidianamente online, magari mentre ascoltiamo una playlist su Spotify e ci decidiamo, finalmente, a fare l’abbonamento a Netflix per non rimanere isolati dal resto del mondo digitale, che parla solo della prossima stagione di Stranger Things!

Ma tu, sì proprio tu che trascorri gran parte della tua giornata online, dividendoti tra svago e lavoro, ti chiedi mai cosa succede in Rete ogni 60 secondi?
Una domanda semplice, ma al contempo utilissima, per capire come sta evolvendo l’internet, come si comportano gli utenti online e quali sono i dati che ogni giorno vengono condivisi sul web.

Una risposta chiara ci arriva da DOMO, la società americana di Domosapiens, che sui dati ha fondato il suo fiorente business e che da anni condivide un report dettagliato molto interessante, sotto forma di infografica, sui dati della Rete.

Cosa accede online in 60 secondi [DATI 2017]
Cosa accede online in 60 secondi [DATI 2017]

I primi, impressionanti, dati da rilevare sono che il 90% di tutti i dati presenti in Rete son stati creati negli ultimi due anni, che vi è una vera e propria ossessione mondiale per i social media e che, ogni giorno, vengono generati talmente tanti dati che è pure difficile stabilire quanti bytes siano: 2,5 quintillion (se non sapete quanto è grosso questo numero cliccate qui).

Molto rilevante è il dato sulla popolazione online: 3,4 miliardi di persone, la metà dei quali accede al Web da mobile. Solo cinque anni fa erano 2,5 e si stima che nel 2020 saranno ben 6 miliardi.

Interessante è poi notare come nel corso degli ultimi 5 anni i Social Media siano evoluti a ritmi vertiginosi! Basti pensare che nel 2012 su Instagram venivano condivise 3.600 foto al minuto mentre oggi sono 46.740 mentre, su YouTube, siamo passati da 48 ore di nuovi video caricati del 2013 a oltre 4 milioni di video guardati nel 2017 ogni 60 secondi.

Cosa accade online ogni 60 secondi [DATI 2013]


E gli acquisti online, come si sono evoluti?
La crescita più sorprendente arriva proprio dal versante e-commerce: se nel 2012 venivano spesi online 272 mila dollari al minuto ora, quasi la stessa cifra, ben 258 mila dollari, viene fatturata da un solo Shop Online… Amazon!
Vi è già venuta voglia di iniziare a vendere online? Oppure vi state chiedendo perché il vostro e-commerce non produce abbastanza? Allora vi consiglio il post del mio amico Marco Pulzelli che trovate qui.

Tornando ai famosi 60 secondi online è divertente notare come le GIF siano così utilizzate nel 2017: ben 694.444! In un mondo in cui si comunica prevalentemente per messaggi (oltre 15 milioni contro i 3,5 dello scorso anno) far capire il tono di voce e lo stato d’animo con cui si dicono le cose è fondamentale per evitare errate interpretazioni e rinforzare ancora di più il concetto.

Vorrei chiudere con tre dati che, a mio avviso sono rilevanti e sorprendenti allo stesso tempo:

NETFLIX È IN ROSSO
Non ve lo aspettavate vero?!? Netflix, uno dei brand più innovativi e fighi degli ultimi tempi, fa registrare un segno negativo… Ogni 60 secondi gli utenti visualizzano 69.444 ore di video in streaming mentre erano 77.160 nel 2015 (trovate l’infografica di DOMO qui). Aggiungiamo il fatto che, notizia di ieri, Netflix ha firmato un accordo con la Rai e presto aggiungerà al catalogo Serie Tv come Don Matteo e Braccialetti Rossi. Non sarà questo il motivo del calo, certo, ma potete inziare a farvi qualche domanda…


TWITTER NON È MORTO… ANZI!

Nonostante la sua morte sia annunciata un giorno sì e l’altro pure, Twitter continua a crescere ogni anno e rimane uno dei social più utilizzati al mondo. Ogni 60 secondi vengono inviati 456 mila tweet (erano 347 mila nel 2015 e 278 mila nel 2013).


LE MAIL SPAMMOSE INVIATE SONO OLTRE 103 MILIONI AL MINUTO!
Leggendo questo dato verrebbe da gridare: “aiutooooo”! questo è forse il dato che mi lascia più allibita e che andrò ad approfondire meglio nelle prossime settimane per suggerire ai miei amici gazdunici info al riguardo e rimedi possibili per evitare di essere sommersi dallo SPAM.

 

State sintonizzati su Gazduna e, mi raccomando, condividete in meno di 60 secondi! 😉😘🤣