Ah, anche questa è fatta! Il check del tempo di lavoro può salvarci dal caos?

Il multitasking, si sa, ha suddiviso le persone in due categorie: a) quelle che si sanno organizzare e b) quelle che sguazzano nel caos. Le prime hanno l’abilità mentale che serve per suddividere il tempo in cartelle e poi le cartelle in file e via così, fino a che ogni cosa trova il suo posto e il suo ordine nella giornata. Le secondo pensano che il tempo sia come Pandora (quella del vaso, of course) e quindi le cartelle vanno tutte aperte quasi contemporaneamente perché ne esca il succo di una intera giornata.

Entrambe le categorie hanno le loro qualità e i loro difetti. Se appartenete alla categoria degli organizzati sapete quanto potete essere efficienti e… ansiosi. Se siete invece dei caotici seriali il vostro difetto sarà la dispersione ma propenderete per una certa creatività operativa.

Sia che facciate parte della categoria “Ah, anche questa è fatta!”, che della “Sono già le 7? Ma cosa ho fatto oggi?”, potete pensare di usare uno strumento pratico e immediato per fare il check delle vostre giornate e capire come state impiegando il tempo e con quale impatto economico. Di cosa stiamo parlando? Di Toggl.

Gazduna-project-Toggl-public-web-view

Toggl è un “insanely simple time tracking”, come lo definiscono i suoi creatori e, più precisamente, una piattaforma che, grazie a un counter con cronometro, vi consente di schedare le vostre attività settimanali, suddividendole per progetto e cliente, e fare una verifica con tanto di grafico a torta. I più meticolosi potranno estasiarsi davanti alla suddivisione certosina del loro tempo di lavoro, mentre i più disordinati potranno iniziare a rendersi conto di come lavorano e magari tentare di organizzarsi in modo da portare a termine i compiti e i progetti nei tempi previsti. Tracking e consapevolezza a portata di mouse!

Se lavorate in team oppure usate strumenti digitali di project management, può esservi utile sapere che Toggl si può anche collegare ai vari tools, come Trello o Asana, usando Zapier.

Naturalmente si può scegliere tra la versione FREE e quella in abbonamento (5 dollari al mese). Naturalmente c’è anche la versione mobile. Naturalmente si può utilizzare sia offline che online. Naturalmente ha un competitor molto agguerrito.

Purtroppo il tempo passa quindi rimettetevi al lavoro invece di star qui a leggere come risparmiare tempo!