Case da incubo e incubi in casa: una guida terrificante ai posti più orribili per passare la notte di Halloween

Tutti defunti, tranne i morti

Helen Boyle, che di mestiere fa l’agente immobiliare, è specializzata nella vendita di case lussuose infestate da demoni, fantasmi che mordono, teste che rotolano giù dalle scale, sangue che esce dai muri e altre amenità. Fa affari d’oro convincendo i malcapitati acquirenti a non pubblicizzare troppo la natura malefica della casa appena acquistata in modo da poterla rivendere alla prossima – ignara – famiglia come se niente fosse.

Ci sarà questa su Died in House?Ma non temete: se il vostro sogno è trasferirvi in U.S.A., in una casetta a due piani con giardino in stile Tudor, Died in House è il servizio che fa al caso vostro. É un sito su cui si può controllare se in quella fantastica casetta che avete adocchiato, con piscina e vista panoramica sulla valle, è per caso morto qualcuno. Nelle avvertenze è specificato che non viene indicata la presenza di “fantasmi inquietanti, o qualsiasi altra attività paranormale”, ma potrebbe essere comunque un buon punto di partenza se non volete diventare la prossima Flo-Jo e scappare via, nel cuore della notte, scalzi, in pigiama e in condizioni veramente poco dignitose.

Se invece siete dei tipi alla Mike Enslin e non credete che le case possano essere infestate dagli spiriti delle persone decedute, probabilmente l’idea di passare la notte in un luogo in cui si racconta siano presenti degli spiriti non solo non vi spaventa, ma vi entusiasma. Beh, in questo caso, non avete altro che l’imbarazzo della scelta!

Myrtles HouseA St.Francisville, in Louisiana, sorge – come un fungo velenoso – il Myrtles Plantation: c’è chi sostiene che qui, alla fine del 1700, furono assassinate 10 persone mentre un’altra storia racconta che la casa fu costruita sopra un cimitero indiano. Una terza, più articolata, riguarda la storia di una certa Cloe, una schiava diventata la compagna del padrone della piantagione. Una volta finita la relazione la donna sarebbe stata picchiata, le sarebbe stato tagliato un orecchio e sarebbe finita a lavorare nei campi. Cloe meditò vendetta e preparò un dolce che riempì di veleno, causando la morte della moglie del proprietario e dei due figli. Il padrone non la prese benissimo e Cloe finì a sua volta uccisa per ritorsione. Naturalmente, ora tutti vagano all’interno della casa.

Un simpatico comitato di benvenuto

Ma non è tutto: ci sarebbero da segnalare anche la presenza di una donna francese che vaga di camera in camera in cerca di qualcosa o qualcuno, un fantasma che suona il pianoforte, un ritratto che cambia spesso espressione, una ragazza che compare quando ci sono i temporali…

Il Crescent Hotel, ai tempi della costruzioneSe poi passate per Eureka Springs, in Arkansas, potete fermarvi per una notte da brivido al Crescent Hotel. Qui dal 1886 si sono accumulate molte storie spaventose di fantasmi e di apparizioni: la donna in giardino, l’infermiera dell’ospedale, Michael e Theodora (che non so chi siano ma hanno dei nomi molto dark). La presenza di questi quattro spettri (pare assai poco amichevoli) è stata documentata con video e testimonianze che si sono ripetute nel tempo.

In alternativa al soggiorno in hotel, TripAdvisor ha stilato la classifica dei top 10 Ghost Tours che proprio non potete perdervi se siete dei professionisti del brivido.

Le apparizioni non sono garantite, ma di sicuro passerete la notte di Halloween più spaventosa della vostra vita. E – chissà – potrebbe pure essere l’ultima…

Sogni d'oro!