Urban Jungle: la web serie di Hermes Mangialardo che parla (male) di tutti! Anche di te!


Urban Jungle: la web serie firmata Hermes Mangialardo

Ciao, sono Amarcord Barcellona e sono dipendente da serie TV (non solo TV, a dire il vero).

Le narrazioni goccia a goccia mi attraggono irresistibilmente: riesco a divorare stagioni e stagioni, mi stramartello il cervello di domande, supposizioni, equazioni, calcoli astronomici e, ovviamente, mi incazzo a morte quando il finale non è degno delle mie aspettative.

Come volevasi dimostrare, anche questa volta mi sono lasciata trascinare.


L'indie  le sue manieL'indie e il suo abbigliamento minimalLa mia nuova dipendenza si chiama Urban Jungle
ed è la prima serie animata antropologico-metropolitan-ganzissima tutta incentrata sulla fauna urbana.

Qui non c’è il detective brillante che con soli due indizi riesce a scovare l’assassino, il colpevole o l’extraterrestre di turno che se la fa con l’ex ragazza del protagonista – anche lui extraterrestre – che poi tutti fanno i figli con superpoteri e superpaturnie che distruggono il mondo fino a che non si scopre che ce n’è uno, di questi figli, meno paturnioso degli altri, che salverà la specie umana, gli extraterrestri, e pure la ex del protagonista, e non si sa che fine abbia fatto il detective… e così via, che ti si impappina il cervello.

No. Qui, Hermes Mangialardo, cartoonist di fama internazionale, ci racconta con humor e animazione le mode musicali e rispettivi fan, sostenitori, animali sociali (chiamateli come volete) degli ultimi 40 anni. Il risultato è una serie di meravigliosi cortometraggi in cui Hermes, in soli 3 minuti, riesce a riassumere con attenta, curata e leggera ironia le caratteristiche dei più comuni immaginari collettivi sociali.

Urban Vespa

Troviamo così il Metallaro, individuo primitivo che si esprime attraverso ruggiti e suoni distorti; l’Hippie, che vive in cattività nelle comuni ed è sempre pronto a intraprendere lunghi viaggi pur di riunirsi coi suoi simili; il Raver, riconoscibile dalla spiccata predilezione per i capannoni abbandonati e per il regime alimentare alquanto bizzarro; il Punk, ominide selvaggio che preferisce vivere nelle zone più umide delle città, odiando la società e, la maggior parte delle volte, anche se stesso. E ci sono ancora, lo Scout, l’Indie, il Dark e mille altri curiosi soggetti.

E voi, che animale sociale siete? Io, di sicuro, sono la Pigiamona, specie in continua evoluzione che adora alternare dolci a cose salate. Consiglio: non nascondetele mai né pigiama né cuscini, potrebbe anche uccidere pur di riaverli. Il suo compagno di vita: il divano. I suoi peggior nemici: le prime ore del mattino e una vita frenetica. Le sue alleate? Che domande! Le serieTV!