Ville sugli alberi e capanne chic per viaggi in bilico tra lusso e natura selvaggia

into the wild or into the luxury?

Chi ha visto il mitico film Into the Wild sicuramente sarà rimasto (come me) profondamente colpito dalla storia di Alexander Supertramp, un ragazzo fuggito dal suo mondo fatto di conformismi, di schemi e di certezze. Alex è un avventuriero che raggiunge alexander supertrampla sua libertà negli spazi interminabili dell’Alaska, nella natura selvaggia e ostile, nell’isolamento dalla società e dalle futili cose materiali.
Uomo e natura. Avventura. E’ l’unico modo per giungere all’essenza delle cose. E se alla fine Alexander comprende che la felicità è tale solo quando è condivisa, non si pente del percorso che lo ha portato ad essere elemento tra gli elementi. Allontanarsi da tutto per avvicinarsi a se stesso.
casolari sperduti ma ricchi di comfortOra, lo spirito di questa meravigliosa pellicola si scioglie come burro in padella grazie a una nuova forma di turismo: il luxury camping, un “into the wild” di lusso!
Canopy & Stars è un tour operator che offre pacchetti viaggio in lussuose abitazioni immerse nel verde, che all’esterno sembrano povere ma in realtà sono dotate di dettagli di alta classe.
Pomposi bungalow in radica e palafitte eco-chic immerse tra gli alberi. Per turisti che sono selvaggi fuori, ma vogliono stare comodi dentro!
Qualche esempio? Ecco la Harptree Court, una struttura in legno edificata tra una serie di alberi, con tanto di promenade, veranda e divani in pelle. Oppure la Roundhouse, sciccosissima capanna Hobbit-style, con lenzuola di cotone egiziano e focolare d’altri tempi. O le Grand Abri, fastoso tendone da circo per due persone, immerso nella campagna francese tra vini bordeaux e greggi di pecore.
Non manca infine il bungalow deluxe Rosa Bella, che da fuori ricorda proprio il Magic Bus di Into the Wild, ma dentro ha le pareti tappezzate come un palazzo indiano!
Dopo le tende stilose il limited edition, va in scena il lusso selvaggio, con buona pace del povero Alex. Lui credeva che solo nella natura profonda e solitaria, con un fucile per procurarsi il cibo e qualche libro per la mente, si può trovare il senso della vita.
Da oggi, forse, nemmeno lì.

Into the wild... è ancora possibile?

Wind in my hair, I feel part of everywhere
underneath my being is a road that disappeared
late at night I hear the trees
they’re singing with the dead
overhead...

[Eddie Vedder – Guaranteed]