Borsanalisi di Giandomenico Murru

Beh, finalmente uno da stendere sul lettino! E lui neanche ci pensa, sta bene così! Un tantino ossessivo? No, solo ordinato! Tratti rigidi? Assolutamente, rigore e disciplina! Questa cartella da lavoro è un computer che è stato smontato dei suoi componenti, tutti esposti in maniera maniacale, ognuno al suo posto. Milioni di megabyte concentrati in un metro quadro. Mettiamola così, potenziale serial killer dei tablets, se non lo vuoi far per te, almeno abbi pietà per la donna che ti sta accanto! Sforzati ad esercitare un pò di autoindulgenza!

SE LA BORSA POTESSE PARLARE
“Ah, che meraviglia il sistema binario: quegli 0 e 1 così precisi, e poi la musica elettronica, la fotografia digitale e… il mac. Non crederete mica che io, identificato con il lavoro, vocato al personal branding, pronto a trovare soluzioni in 3 secondi, potenzialmente gelosissimo e con uno sguardo capace di far stare in una cornice perfetta tutto il contenuto della mia borsa mi accontenti di un semplice e banale pc? “Stay hungry, stay ordered!””