Borsanalisi di Lara Babitcheff

Tutta l’essenza e la praticità di una donna, senza stereotipi, racchiusa in una borsa. Perfettamente equipaggiata a fronteggiare vari tipi di incidenti, anche con l’ausilio di un semplice portachiavi – perchè non sempre le cose sono quello che sembrano e un portachiavi non è sempre e solo un portachiavi!-. Sopravviverebbe nel profondo Yemen solo grazie al suo inseparabile kindle e alle vitamine, gestendo perfino il ciclo mestruale. Le tribù dell’Africa nera se solo avessero l’occasione di conoscerla, le titolerebbero un rito propriziatorio. La sua borsa è una base sicura, la ragazza ha vissuto una bella infanzia. Complimenti alla famiglia d’origine!

SE LA BORSA POTESSE PARLARE
“Non confondo mail l’essere con il dover essere. Informata, aperta, equilibrata, attenta all’ambiente. Insomma: fresca come il lino.”