Come trasformare con la macchina fotografica una serata noiosa in arte illuminante

Ultimamente il weekend propone ben poco quindi mi capita sempre più spesso di essere travolto da un attacco d’ispirazione come dire… “Illuminante”! Come ravvivare una Light Painting fatto in casa!serata “spenta”?
Materiale occorrente: qualche amico/modello, una torcia o meglio ancora se l’avete, una spada laser jedi, cavalletto e reflex digitale.
Mi sento un po’ Muciaccia, quindi proseguo dicendo: “Fattooo???”
Benissimo, ora vi serve un ampio spazio e totalmente al buio, quindi posizionate le macchina sul cavalletto: impostate, in modalità manuale, il tempo di esposizione su almeno 20/30 secondi con una buona profondità di campo, ad esempio F8.
Fanfarla ft. Chico De Luigi: l'arte del Light-painting Fattooo??? Allora mettete a fuoco manualmente e click! Scattate! Avete qualche manciata di secondi per illuminare il vostro soggetto, “dipingerlo di luce” con la vostra torcia/spada-jedi, movimenti veloci e felpati per cercare di non rimanere voi stessi impressi nella foto.
Accendete il soggetto con stralci di luce brevi e ripetuti, non esagerate con le “sflashate”… La tecnica, “Light-painting”, è molto semplice ed è un vero e proprio ever-green della fotografia, (tra i primi a sperimentarla Man Ray) ma ci vuole tanta pratica per capirne bene il meccanismo.
Ci si può sbizzarrire e divertirsi, come nelle foto fatte qualche sera fa con Fabio, ma anche creare vere e proprie foto d’autore, come quelle che ho scattato in un workshop con l’amico/maestro Chico De Luigi.
Aspetto di vedere tante creazioni illuminate…

Light Painting: The Butterfly Effect!