Valentine’s Day Survival Guide: come schivare i cuoricini

Dite la verità: anche voi non siete in grado di sostenere lo stress da San Valentino.
Ed è inutile che ci continuino a dire che è la festa degli innamorati e love is all around e baggianate del genere. Col cavolo! Che tu sia single (ogni riferimento a persone autrici di questo articolo è puramente casuale) o relazionato/morosato/fidanzato con qualcuno, non c’è via di scampo. Lo stress da San Valentino colpisce TUTTI!

Come sopravvivere a questo trauma?

Caso #1 Siete single, ma non volete esserlo e avete bisogno di un partner usa e getta per San Valentino (ma se funziona si può anche tenere fino a Pasqua): provate ChuChu Tune. A cosa servono elaborati calcoli sulla compatibilità per trovare l’anima gemella, quando basta controllare le affinità tra le vostre playlist?

Caso #2 Non siete single, ma siete pigri e con scarso entusiasmo? Utilizzate le All purpose greetings cards, ovvero i biglietti d’auguri per ogni occasione. Basterà mettere una crocetta su quello che volete comunicare (I love you like sunshine and kittens?) e sarete a posto. Solo per veri amanti del rischio (di essere lasciati).

Caso #3 Siete innamorati, ma siete un po’ braccini corti e per nulla superstiziosi? Fate un salto su Never liked it anyway e troverete anelli, collane, scarpe e romanticherie varie a prezzo stracciato. Perchè? Regali di ex fidanzati/e di cui sbarazzarsi.

Caso #4
Siete innamorati, ma la vostre dolce metà preferisce postare foto su Instagram invece che passare il tempo con voi? Sorprendetela e mandatele una foto di voi due attraverso Lovestagram, un’applicazione che vi permette di incorniciare le vostre foto con un bel cuore. Forse cliccherà “Mi piace”. Forse.

Sweet love, nerd loveCaso #5 Siete super-ultra-innamorati e ricambiati? Fortunelli. Volete farle la proposta di matrimonio questo San Valentino? Cena e lume di candela vi sembrano scontati?
Fatevi ispirare dalla proposta di Aaron Vandenbroucke.
Avvertenze: alto tasso di zuccherosità.

Non figurate tra questi casi? Appuntamento all’anno prossimo, allora. Nel frattempo, chiudetevi in casa ed evitate i cuoricini!