L’arte del riciclo creativo: quando bottoni e spazzatura diventano piccoli capolavori

Scritto il 15-10-2013 in Stile da


La guerra dei bottoni

Sembrano tante caramelle colorate, questi bottoni dall’odore polveroso che mi porto dietro dai tempi in cui ero alta come un soldo di cacio, quando ero una mocciosetta tutta riccioli che saltellava dalla mattina alla sera. Erano gli scarti del lavoro di mia zia, la sarta di famiglia che lavorava proprio – pensate che fortuna! – nel garage di casa mia.

 

Buttons Che farci – mi son chiesta – oggi che ho trent’anni, la casa piena di ninnoli e troppo poco spazio a disposizione? L’angioletto che dorme tutto il giorno sulla mia spalla destra mi ha consigliato di creare dei bijouxMa che banalità! – mi ha sussurrato all’orecchio la sua controparte un po’ birichina, il mio amato diavoletto (o forse era proprio Gaz, chissà!).

Ed ecco che incontro – sul web s’intende – tre artisti, o forse dovrei dire tre Re Magi, che portano doni inaspettati e che trasformano il trash in magia e i bottoni di recupero in vere opere d’arte.

 

Vi presento dunque la dea dei capelli Tracy Greer (quasi quasi mi raso a zero e le chiedo se crea per me un’acconciatura di bottoni!):

 

 

Ed ecco Augusto Esquivel, artista affascinato dalle possibilità che gli oggetti di tutti i giorni offrono se utilizzati per realizzare un’opera d’arte: dategli un milione di bottoni e vi costruirà un’immensa città, in 3D ovviamente!

 

 

E infine Jane Perkins che non utilizza solo bottoni ma ogni materiale di scarto che trova. Dai cassonetti della spazzatura nascono i fior avrebbe detto De Andrè! E invece no, dai cassonetti della spazzatura nascono… i volti dei VIP (persone o quadri che siano)!

 

Informazioni sull'autore Camilla Biagini

Camilla, un nome davvero molto dolce, ma non fatevi ingannare dalle apparenze, perché in realtà di acidità qui ce n'è da vendere. Sarà che la soglia dei trent'anni piano piano si avvicina, sarà che di delusioni nella vita ce ne sono state tante, sarà che cinque anni di studi filosofici alla fine un po' di malinconia te la regalano, sarà, sarà quel che sarà, ma alla fine sì, un po' di acidità c'è e sapete che vi dico? Non mi dispiace affatto! La cosa importante è saper prendere la vita con ironia, farsi una bella risata quando serve e ricordarsi di rimanere sempre un po' bambini. Una laurea, dicevamo, ebbene sì, presso l'Università di Pisa e dopo una bella ed intensa carriera nel mondo del web come redattrice, scrittrice, articolista, blogger, web content editor... potete darle il nome che volete, ma Camilla questo è: una donna che ormai vive di scrittura sul web. [continua]

Lascia un Commento

Trash the dress

Trash the dress, uccisione e tortura dell’abito da sposa

C'era una volta una bellissima sposa (bella quasi [e sottolineo quasi] come me e Nadiolosca). Il suo abito ...

Gabriel Morais // The colorful shit project // Corn

The colorful shit: opere d’arte moderna dal sapore (e odore) decisamente equivoco

Visitare un museo o una mostra d’arte è quel genere di attività che distende l’anima e arricchisce il ...

Milking form Newcastle

Siete carenti di calci(o)? Provate il Milking, pratica deliziosamente idiota!

Se siete un gruppo di giovani studenti annoiati, che hanno voglia di fare tutto fuorché studiare, avrete il ...

Building #foodporn

Il porno sbarca su Instagram con tanto di hashtag, ma non si vede nemmeno una tetta

  Su Instagram il porno – o perlomeno l’hashtag #porn – non c’è. Sto ribadendo l’ovvio, lo so: cercare l’hastag ...

Matrioska Concept LabStore

A Rimini una Matrioška piena di designer, artisti e tanta creatività tra il riciclo e il vintage

Quando mi hanno detto che a Rimini c’è un evento chiamato Matrioška Concept LabStore mi sono messa a ...