Dal crowdfunding al social network che accorcia la filiera

Scritto il 26-10-2012 in Digital Culture da


Jenuino

 

Oggi voglio incarnare la postmodernità. Prendete 3 o 4 odori o emozioni moderne, mettete il tutto nel frullatore creando così una nuova sostanza. Ora, bevetela!

 Ah, ma a Pignasmile si è fuso completamente il cervello. O’ Dottor Hoffman galeotto! 

Crowdfunding

Invece no! O per lo meno, non come si può pensare.

Riconsideriamo la parola dicotomia, utilizzata qualche tempo fa: due opposti che seppur opposti possono essere incarnati allo stesso momento. Questo rappresenta un po’ la società postmoderna.

Pigna, fai un lungo respiro!

Fatto, giuro. Ma per quanto respiri, vedo un cambiamento attorno a noi. Parlo di un cambiamento profondo, riposto anche nei valori sociali, di collettività, di “non ti pianto un coltello tra le scapole se, malauguratamente per te, mi dai le spalle”. Parlo della riscoperta dei valori rurali, di un nuovo modo di fare impresa e di nuovi brand più eco-social-compatibili!

 

Ad esempio, avete mai sentito parlare di crowdfunding? No? Dunque, facciamo finta che desideriate avviare una piccola impresa: ovviamente non è facile reperire il denaro tramite sistemi convenzionali (si, rapina inclusa e istituzioni anche). Allora prendete la vostra idea, la piazzate su EPPELA e chi riconosce in essa qualcosa di valido vi finanzia, anche solo con 10 euro: una raccolta fondi sociale ed orizzontale, senza interessi!

Ecco come ha fatto Crowdfuture per finanziare la conferenza che si terrà sabato 27 Ottobre a Roma, proprio – ma tu guarda – sul crowdfunding

 

 

Ma non è tutto qui. Ci sono anche iniziative come jenuinō che, con accento toscano, combattono il sistema truffaldino della filiera lunga, grazie alle nuove tecnologie e ad un social network specifico. L’obiettivo è di connettere direttamente i piccoli agricoltori che si occupano di biologico, con la gente interessata ad un’alimentazione più genuina, preservando la figura dell’agricoltore. Il video qui sotto vi spiega tutto nel dettaglio. E se volete, c’è pure il riassunto in vernacolo barese!

 

 

Ancora, esistono progetti come UserFarm, ossia delle vere e proprie agenzie crowdsourced che permettono di collegare grandi brand con giovani videomaker. Questi ultimi possono presentare i loro video alle aziende sulla piattaforma ed essere persino pagati (cosa da non sottovalutare recentemente).

 

 

Insomma, è tempo di cambiamento, di passaggio, da un’epoca ad un’altra, da un sistema ad un altro, da un modo di fare impresa ad un altro, dal capitale pecuniario a quello ideale e sociale, dalla città alla campagna, sempre e ovviamente in maniera dicotomica.

E io sono contento che sia proprio la mia generazione ad incarnare questo cambiamento!

Informazioni sull'autore Pignasmile

Pignasmile si chiama così perché è cosa buona e giusta ricordarsi che sorridere è importante. Non ama gli horror e beve birra a fiumi da quando ha scoperto il formato pinta. Vive quaellà. Spesso e volentieri là. Non ama i punti e virgola e tantomeno i due punti. Fa il cuoco, il barista, l’allenatore di squadre virtuali al computer e di tanto in tanto il “blogger a domicilio”, sempre e comunque con scarsi risultati. Ha imparato a convivere con la sfortuna e con le cacche dei cani sui marciapiede. Da piccolo sognava di guidare il camion della mondezza. Ora fuma tabacco trinciato ed è un social media lover (expert suonerebbe presuntuoso e lui già lo è abbastanza). Ha radici sparse qua e là. Sembra sia barese, ma alle volte vomita in romanesco e bestemmia in anconetano. Ha sogni nell’armadio, un cassetto non basterebbe a contenerli. Ama il blu elettrico e aveva una Bianchi di quel colore. E’ stato un writer, un chitarrista, un giocatore di basket ed un latinlover mai sbocciato. Ha una laurea in comunicazione e pubblicità e una gran voglia di tatuarsi tutta la schiena con draghi e fiamme. Testardo in quanto ariete e maniaco del disordine, vive con la certezza che la cultura è l’unica cosa che non potranno mai rubargli. E comunque sarebbe solo un magro bottino. Scrivendo per Gazduna prova a diventare una persona per bene! [continua]

Lascia un Commento

Uno stereo nel fieno

Al #Campdigrano alla ricerca di un futuro-arcaico

  “Social media, web 2.0, digital marketing, startup, ogni anno una nuova strunzat!”. Con questa citazione spero di introdurvi ...

pignuccio copy

La satira virale e i cinguettii irriverenti del buon Pinuccio

Dicotomico. Ecco l’aggettivo che utilizzerò più spesso in questo post. A) perché mi dà quel non so che di ...

We can't fail

The Social Propaganda: i poster ribelli di Aaron Wood

Rivoluzione fa rima con comunicazione. E a ragione! La rivoluzione produce comunicazione e la comunicazione influenza la rivoluzione. Ma ...

Radio a manovella

Trevor Baylis & friends: 20 anni di ecorivoluzioni

Di rivoluzioni e rivoluzionari ne abbiamo sentito tanto parlare. Chi impugnando una spada, chi affiggendo una lettera e ...

portraits

Un post postmoderno: Me&Edward

“Fermati e pensa: che cosa fa di te quello che sei? Il tuo nome? La tua storia? La ...