Valentine’s Day Survival Guide: come schivare i cuoricini

Scritto il 14-02-2012 in Why Not? da


Dite la veritĂ : anche voi non siete in grado di sostenere lo stress da San Valentino.
Ed è inutile che ci continuino a dire che è la festa degli innamorati e love is all around e baggianate del genere. Col cavolo! Che tu sia single (ogni riferimento a persone autrici di questo articolo è puramente casuale) o relazionato/morosato/fidanzato con qualcuno, non c’è via di scampo. Lo stress da San Valentino colpisce TUTTI!

Come sopravvivere a questo trauma?

Caso #1 Siete single, ma non volete esserlo e avete bisogno di un partner usa e getta per San Valentino (ma se funziona si può anche  tenere fino a Pasqua): provate ChuChu Tune. A cosa servono elaborati calcoli sulla compatibilità per trovare l’anima gemella, quando basta controllare le affinità tra le vostre playlist?

Caso #2 Non siete single, ma siete pigri e con scarso entusiasmo? Utilizzate le All purpose greetings cards, ovvero i biglietti d’auguri per ogni occasione. Basterà mettere una crocetta su quello che volete comunicare (I love you like sunshine and kittens?) e sarete a posto. Solo per veri amanti del rischio (di essere lasciati).

Caso #3 Siete innamorati, ma siete un po’ braccini corti e per nulla superstiziosi? Fate un salto su Never liked it anyway e troverete anelli, collane, scarpe e romanticherie varie a prezzo stracciato. Perchè? Regali di ex fidanzati/e di cui sbarazzarsi.

Caso #4
Siete innamorati, ma la vostre dolce metà preferisce postare foto su Instagram invece che passare il tempo con voi? Sorprendetela e mandatele una foto di voi due attraverso Lovestagram, un’applicazione che vi permette di incorniciare le vostre foto con un bel cuore. Forse cliccherĂ  “Mi piace”. Forse.

Sweet love, nerd love Caso #5 Siete super-ultra-innamorati e ricambiati? Fortunelli. Volete farle la proposta di matrimonio questo San Valentino? Cena e lume di candela vi sembrano scontati?
Fatevi ispirare dalla proposta di Aaron Vandenbroucke.
Avvertenze: alto tasso di zuccherositĂ .

Non figurate tra questi casi? Appuntamento all’anno prossimo, allora. Nel frattempo, chiudetevi in casa ed evitate i cuoricini!

Informazioni sull'autore Mykoize

Mykoize vive perennemente senza tempo, tanto da aver passato la soglia del quarto di secolo pensando di avere ancora vent’anni. Ha il vizio di collezionare città, famiglie e lavori e di rubarne il meglio senza destare alcun sospetto. Salta per la maggior parte del tempo da un treno all’altro e, nel mentre, scrive. Non può farne a meno. Una mattina si è scoperta Social Media Strategist, ma giura che non è colpa sua. Pensa di essere e-qualcosa, ma non ha ancora capito cosa. Anima persa, si diletta come sibilla in erba. Chiamare ore pasti, astenersi persone serene e sollevate. Per il principio del nomen omen, pare che imbastisca rivoluzioni e che si immerga in profondità inaudite. Dicono anche che i libri non li legga, ma li divori come snack tra un pasto e l’altro, ma sono solo leggende metropolitane. Forse. [continua]

Lascia un Commento

5-Consigli-per-usare-al-meglio-instagram

5 trick per la tua estate su Instagram

Publisher: @stailuan     Ci fu il tempo in cui tutti usavano Messenger, quello in cui tutti si iscrissero a MySpace e ...

NIPPLE-Sex-tracker-app-perfomance-sesso-home

Sex Activity: ecco come ti misuro le prestazioni sessuali con una APP!

    Sapete cos’è un sex tracker? No, non è un nuovo tipo di giocattolo erotico per ragazze... E’ bensì una ...

Stelline-vs-Retweet-il-twitter-raccontato-da-matteobianx-per-gazduna-home

Ho il Twitter e non ho paura a usarlo!

Twitter è quel social network che... Sì, vabbè, se vi devo anche spiegare cosa sia e perché, allora facciamo ...

poipoi-il-nuovo-ecommerce-abbigliamento-fashion-cover-interna

POIPOI: l’ultima fissazione in fatto di e-commerce!

  Il viaggio di una donna alla ricerca dello stile perfetto è tortuoso, ingarbugliato come i Noodle di Momofuku ...

no-tenemos-wifi

Condividerlo su Facebook? No grazie: i brand che scelgono la via dell’anti-social

  Fotografare le portate di un pranzo, twittare quant’erano buone, taggare su Facebook chi c’era e fare anche il ...