Damien Hirst. Punto. Punto. Punto.

Scritto il 12-01-2012 in Why Not? da



In principio
, quasi a ricordare bizzarri riti stregoneschi, furono gli animali eviscerati, squartati e immersi in formaldeide. Poi, nel nome di dio, arrivarono i teschi tempestati di brillanti (dileggiati, in seguito, da burbanzosi kit da assemblare in stile Ikea) e dopo un altro po’ di tempo ci venne spiegato che il fumo è un suicidio teorico. Insomma, tutto si può dire di Damien Hirst tranne che sia ripetitivo e ossequioso nei confronti della morale comune. Per quelli di voi che non hanno avuto la fortuna di Lolly Pocket, la quale mi ha appena confessato, con bambinesco piglio di superiorità, di aver visto dal vivo For the love of God in quel di Firenze (per quanto la dicitura “dal vivo” possa addirsi ad un teschio), segnalo che Hirst, in collaborazione con il gallerista Larry Gagosian ha programmato, per il 2012, l’esposizione simultanea di circa 300 dipinti della serie spot, costituiti da un’infinità di puntini colorati. Le mostre, raccolte sotto il titolo Damien Hirst: Spot The Complete Paintings 1986-2011, saranno visibili nelle gallerie di New York, Londra, Parigi, Los Angeles, Roma, Atene, Ginevra e Hong Kong. A onor del vero, è bene che vi dica che uno dei dipinti non verrà esposto: essendo, nelle intenzioni, composto da più di un milione di puntini colorati, pare che ci vorranno nove anni per completarlo. Sono certo che vorrete scusare il buon Damien per l’inconveniente. Se, invece, vorrete trafiggere una sua effige con affilati spilloni, siate almeno delicati: c’è un genio all’opera.

PS: la già citata Lolly Pocket mi punzecchia perché io vi ricordi che anche lei, un bel po’ di tempo fa, aveva già parlato delle opere di Hirst. Qui e qui, per essere precisi.


Informazioni sull'autore Zaziwo Ford

“Magico a giorni alterni, Zaziwo Ford millanta la risoluzione di problemi a chi da essi è afflitto. Vende abilmente lo stesso fumo entro il quale, poi, scompare cercando la via di casa. Aiutatelo.” Questo sta scritto sul cartellino posto davanti alla gabbia in cui vive il buon Zaziwo allo Zoo comunale del mondo di Oz, primo sentiero a destra, tra il leone fifone e lo spaventapasseri arrugginito. Intendiamoci: ci si trova benissimo. Cibo a volontà, nessuna seccatura e tanto tempo per guardarsi attorno. Ogni tanto, poi, lo facciamo uscire. E allora si sbizzarrisce. Dice a tutti di vivere in un luogo (ovviamente inventato) chiamato Fano, di occuparsi di web 2.0 (o qualcosa del genere) e di scrivere articoli per un blogazine che chiama Gazduna. Quassù lo conosciamo tutti e non abbiamo ragione di credere che sia pericoloso. Se non dimostrasse di amarla così tanto, nemmeno lo terremmo chiuso in gabbia. Ama leggere e scrivere ma detesta far di conto. Divora film e musica a un ritmo quasi sconveniente. [continua]

Lascia un Commento

illustrazioni-super-eroi-grassi-gazduna-cover-alex-solis

Rotondetti ma felici: ecco i super-eroi disegnati da Alex Solis!

Ottobre è il mese di buoni propositi, dell'iscrizione in palestra e delle diete. Per tanta gente‚ troppa, ma non ...

cover-intervista-alterlinea-gravidanza-9-mesi

La gravidanza illustrata di Michele Andreoli

Lui si chiama Michele Andreoli ed è un fumettista che presto diventerà padre.I suoi disegni, pubblicati su Altralinea sono ...

poipoi-il-nuovo-ecommerce-abbigliamento-fashion-cover-interna

POIPOI: l’ultima fissazione in fatto di e-commerce!

  Il viaggio di una donna alla ricerca dello stile perfetto è tortuoso, ingarbugliato come i Noodle di Momofuku ...

Leland Bobbè - Half Drag photo cover

Drag Queen, burlesque e l’anima di New York: intervista al fotografo Leland Bobbé

[ENGLISH VERSION]   Nato nella grande metropoli e fotografo quasi per caso, Leland Bobbé riesce a cogliere con maestria la ...

Strange houses boeing

Architetti folli o ubriachi: ecco le case più strane e assurde del mondo

Trasferirmi è un’idea che mi ha sempre messo paura. Io, come dice Elio, sono un abitudinario. Voglio dormire ...