Onde di creatività urbana: murales, street art e origami

Scritto il 01-07-2011 in Why Not? da


Di Lulù Design.

In tempi di crisi cerchiamo tutti di risparmiare il più possibile: governo compreso, visti i tagli alla cultura! Effettivamente oggi come oggi, se non ci fossero i consigli di Gazduna, non sarebbe poi così facile trovare qualcosa che sia gratis, free, insomma che non si paga! Nonostante questa penuria di offerte gratuite è comunque possibile trovare risposta a questo nostro interesse verso il “free” affacciandosi al panorama della street art e dei murales. E allora perché non iniziare con una bella passeggiata tra i viali di Orgosolo, in Sardegna (se non avete pianificato un viaggetto sull’isola iniziate a pensarci seriamente!), dove, dal 1969 sono stati realizzati più di 150 murales che spaziano dalla critica al massacro dei pellirossa per arrivare alle torri gemelle? L’intero paesino si è nel tempo trasformato in un’immensa galleria a cielo aperto, con angoli sorprendenti, scorci che sembrano disegnati da Picasso e sassi umanizzati.
Se non amate le isole e preferite la terraferma ecco un altro consiglio: Civitavecchia, dove, proprio in questi giorni, sono stati invitati due street artist, Aryz e Dem, per il progetto di riqualificazione urbana Waves: onde di creatività per trasformare i muri in luoghi fantastici.
Poi, se non amate andare a piedi, tutte le città (Torino, Ferrara, Rimini e tante altre) che fanno parte del circuito C’entro in Bici hanno la possibilità di collocare delle stazioni adibite al prelievo ed alla riconsegna delle biciclette. Dopo una bella giornata di cultura e arte, una volta tornati a casa ci restano solo due cose da fare: o calcolare quante calorie abbiamo consumato con l’applicazione gratuita scaricabile dal web iCalory o distenderci sul nostro divano e dilettarci (o scervellarsi?) nel realizzare dei piccoli contenitori di carta seguendo le tecniche del Centro Diffusione Origami nel quale gustare il nostro cibo d’asporto Giapponese appena comprato! Buon appetito!

Informazioni sull'autore Gazduna

Un collettivo di braccia, mani e capelli scarmigliati che [sul web] vaga qua e là, guarda su e giù, scrive questo e quello. Più o meno. C’è quello che non ha idea di come accoppiare una camicia ad un pantalone, quella che (solo con uno sguardo) farebbe diventare bianchi i capelli di Dario Argento, quella che è biologicamente incapace di venir male in fotografia. Per citare solo i più normali. Dopo il proverbiale starnuto che lo ha lasciato privo di qualsivoglia talento, Gazduna ha preso a masticare e sputazzare publisher e articolisti. Alcuni di questi gli sono rimasti appiccicati ai baffi e tuttora imbrattano di codice html e pixel le sue pagine. [continua]

Lascia un Commento

buddhify meditation

Più ne faccio e meno mi concentro: la tecnologia “mindful” contro la tirannia del multitasking

Mentre scrivo questo post lo sfondo della mia pagina cambia colore gradatamente, in modo quasi impercettibile, e nelle ...

Scoppia la moda dei funerali da vivo

Dalla Cina arriva il funerale da vivi: la paura della morte si esorcizza con una festa in famiglia

I funerali, una volta, erano appannaggio di un unico segmento di clientela. Un tipo di persone un po’ ...

solo pee

Quando fare pipì in un bagno pubblico diventa una sfida folle e creativa

  Caro Gaz, grande esperto di psicologia e deliri, mi rivolgo a te perché ho un problema: non riesco ...

Women Are Heroes Cambogia cover

Women are heroes: la grandezza delle donne nel progetto di arte partecipativa Inside OUT

LUI è JR. Street artist, creativo, "photograffeur" di origini francesi, innamorato della fotografia da quando ha trovato casualmente ...

Dal diario segreto di Kirija

La dura vita di una Gazgirl circondata da invenzioni assurde

Ore 8.00 Caro diario, hai presente gli hot dog, quei würstel caldi che si crogiolano tra due morbide fette di ...