5 cose da chiedere a un grafico se volete compromettere la sua sanità mentale 5 cose da chiedere a un grafico se volete compromettere la sua sanità mentale
Drag Queen, burlesque e l’anima di New York: intervista al fotografo Leland Bobbé Drag Queen, burlesque e l’anima di New York: intervista al fotografo Leland Bobbé
Segui il colibrì di @gazduna anche su Twitter! Segui il colibrì di @gazduna anche su Twitter!
Condividerlo su Facebook? No grazie: i brand che scelgono la via dell’anti-social Condividerlo su Facebook? No grazie: i brand che scelgono la via dell’anti-social
Questo selfie non s’ha da fare: le peggiori foto di cattivo gusto nella storia del web Questo selfie non s’ha da fare: le peggiori foto di cattivo gusto nella storia del web
Ricevi gli aggiornamenti del colibrì sulla tua casella di posta Ricevi gli aggiornamenti del colibrì sulla tua casella di posta
POIPOI: l’ultima fissazione in fatto di e-commerce!
Nuovi designer tra giungla e metropoli scintillanti
aprile 18, 2014 Leggi
POIPOI: l’ultima fissazione in fatto di e-commerce!

Diciamocelo ragazze: siamo tutte accomunate da un desiderio perenne: vestito perfetto per la perfetta occasione. E se ci fosse un posto, un luogo magico, dove i nostri desideri prendono forma e diventano tessuto, strass, geometrie? Venite con me, vi porto a conoscere POIPOI! [Continua]

5 grandi libri da leggere prima di morire (che dopo è un po’ fatica)
Un saluto letterario da Zaziwo
aprile 9, 2014 Leggi
5 grandi libri da leggere prima di morire (che dopo è un po’ fatica)

Questo è l’ultimo articolo che scriverò per Gazduna. (…)
Ho pensato che mentre starò via potrebbe interessarvi fare qualche lettura sicuramente migliore degli sproloqui che vi ho propinato per questi tre anni. Quindi eccovi – in ordine rigorosamente sparso – cinque libri che sono parecchio contento di aver letto prima di morire. [Continua]

Condividerlo su Facebook? No grazie: i brand che scelgono la via dell’anti-social
Stavolta non lo posto!
aprile 2, 2014 Leggi
Condividerlo su Facebook? No grazie: i brand che scelgono la via dell’anti-social
Di

Fotografare le portate di un pranzo, twittare quant’erano buone, taggare su Facebook chi c’era e fare anche il check-in su Foursquare: aggiornare i social con frequenza richiede energie e, soprattutto, tempo. [Continua]